HIVforum.info

dal 2007 informazione scientifica e community, HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, problemi della sieropositività, farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è martedì 18 dicembre 2018, 17:42

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 12 marzo 2012, 19:23 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 6396
Da settimane, da quando ho riletto l’intervista che Celia Farber ha fatto a Marco Ruggiero poco più di un anno fa, continuava a girarmi per la mente il pensiero di parlare con il Professor Michele La Placa.

Avevo però qualche timidezza, perché è un valente e reputato microbiologo, autore di importanti lavori proprio sull’HIV e sui cui testi hanno studiato tanti e tanti studenti universitari. Alla fine, però, ha prevalso il desiderio di ascoltare la sua versione di come andò con la sua lettera al rettore Tesi.

Ricordate la questione? Il “Ruggiero-over-the-raimbow-with-Celia” si vantava della fortunata (sic!) situazione in cui si trova l’università italiana, a fronte di quelle americane, dove quei cattivacci di Berkeley hanno osato mettere sotto indagine Peter Duesberg per le sue affermazioni negazioniste.

Per non farla troppo lunga ed evitare commenti che rischiano di diventare volgari, vi traduco la citazione dell’intervista, solo dal punto in cui viene coinvolto il Professor La Placa (tutta intera, in inglese, la trovate qui: http://www.hivforum.info/forum/viewtopi ... 228#p13228).


    (…) Faccio riferimento qui alle differenze fra Italia e Stati Uniti. In particolare, mi riferisco al modo in cui sono state gestite le accuse che hanno portato alla messa sotto indagine di Peter Duesberg da parte dell’Università di Berkeley nella primavera del 2010. Quelle accuse hanno portato a un’indagine e a una specie di processo contro Duesberg. Delle identiche accuse non hanno portato a nulla più che una lettera di poche righe, qui a Firenze.
    Infatti, dal momento che gli è andata male a Berkeley dove, dopo lunghe udienze e discussioni, incontri con esperti, avvocati e così via, hanno stabilito che Peter non aveva fatto nulla di sbagliato, ci hanno provato con me.
    Questi sono i dettagli: il Professor Michele La Placa, un professore di microbiologia in pensione, forte sostenitore dei dottori Gallo e Moore (vedere i link: Italian Society for Medical Virology (SIVIM) Symposium; Unical: conferenza stampa con il Prof. Robert Gallo per primi risultati del vaccino sperimentale sull’HIV e 12th International Annual Meeting of IHV - Tropea-Italy, 4-8 October 2010), ha scritto una lettera al rettore dell’Università di Firenze, denunciando il mio approccio all’HIV e all’AIDS.
    Non ho letto la lettera che il Professor La Placa ha scritto al rettore, ma ho ricevuto in copia la lettera che il rettore ha scritto a lui. E dice (traduzione letterale [Nota di Dora: lascio la traduzione inglese fatta da Ruggiero, per evitare pasticci di ri-traduzione]):

    Dear Professor La Placa,

    I acknowledge receipt of your letter of October 16, 2010 (registered with n. 20.10.2010). As far as the substance of your letter is concerned, I cannot but state that, as you should know, freedom of teaching is in our corpus of laws and it is related with the amplest sphere of freedom of expression and communication of thought guaranteed by our Constitution. Such a freedom, by the way, concerns all dimension of free cultural expression of the profession of teaching that is realized within the laws and rules concerning the matter.

    Sincerely yours,
    Prof. Alberto Tesi,
    Rettore dell’Università di Firenze.


    È possibile che negli Stati Uniti, che non hanno vissuto l’esperienza di un regime dittatoriale, voi non siate capaci di proteggere la vostra libertà di parola, che comprende la libertà di insegnamento. Qui, la libertà di insegnamento è sacra e e non può essere messa in discussione. (...)

Beh … devo ammettere che davanti a tanta arroganza, a tanta sicumera, a tanta tronfia certezza di avere sempre le spalle coperte da quell’articolo 33 della Costituzione, che a parere del chiarissimo professore fiorentino e di chi finora l’ha protetto può essere tanto stiracchiato da coprire praticamente di tutto, dalla rilettura distorta della storia repubblicana… ho vinto ogni timidezza e, poco fa, ho telefonato al Professor La Placa.

E ho fatto bene! Perché non soltanto si è rivelato persona di gentilezza e disponibilità estrema, ma mi ha anche detto che il sapere di non essere solo in una battaglia che aveva ormai dato per persa lo rincuora e che è al nostro fianco e continuerà a seguire gli aggiornamenti della nostra iniziativa.

Questa la storia, raccontata da lui.

Il Professor La Placa è sempre stato professionalmente in relazione con persone del calibro di Gallo e di Moore e un giorno, a un congresso, è stato contattato da Moore, con la richiesta di provare lui a fare qualcosa contro i disastri causati dalle teorie negazioniste diffuse da Ruggiero a partire dall’Università di Firenze.
Il Professor La Placa ha quindi scritto una lettera al Rettore Tesi, una lettera al Ministro della Salute e una al Ministro dell’Istruzione, chiedendo a tutti e tre una presa di distanza da parte delle istituzioni da loro dirette dalle teorie negazioniste in materia di HIV/AIDS propagandate da Ruggiero.
Purtroppo, nessuno dei due ministri si è degnato di rispondergli. E la risposta che è arrivata da Firenze è sotto gli occhi di tutti, nel suo pavido trincerarsi dietro la libertà di insegnamento e “la più ampia sfera di comunicazione ed espressione del pensiero”.

Bene, non ci resta che aspettare di sapere che cosa deciderà la “apposita commissione” che il rettore Professor Tesi ci ha comunicato di aver istituito.


Intanto, c’è una persona in più che aderisce alla nostra iniziativa e che ringrazio ancora una volta, sia per la disponibilità che mi ha dimostrato, sia per essere stato il primo a muoversi per segnalare l’anomalia ("academic misconduct", la definisce giustamente Snout) di quanto accade a Firenze. A costo perfino di passare per fascista.



Ma è mai possibile che, se si mettono in questione le credenziali scientifiche e accademiche di qualcuno, se ci si preoccupa dei danni alla salute pubblica fatti da un docente che insegna bestialità, si possa passare per fascisti?! E la cosa più curiosa - a guardar bene - è che Ruggiero da un lato si atteggi a Galileo, quindi praticamente a un martire del libero pensiero; dall'altro, abbia l'impudenza di magnificare la libertà accademica di cui gode in Italia. I soliti dirty tricks dei negazionisti. Prima o poi dovrò proprio scriverne.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 13 marzo 2012, 10:05 
Non connesso

Iscritto il: sabato 25 luglio 2009, 18:07
Messaggi: 1053
ahaha e 'sto Tesi viene qui a dirci che ha istituito una apposita commissione? È una commissione per indagare qual è la scappatoia per fuggire alle proprie colpe o si inventa qualche pastocchia tipo yougurt alla frutta? No ma che i due Ministri competenti se ne lavano le mani difronte ai morti che sono sotto gli occhi di tutti è di una assurditá preoccupante. Ma al Governo ci sono gli assassini? :shock:


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 13 marzo 2012, 17:41 
Non connesso

Iscritto il: martedì 1 settembre 2009, 19:58
Messaggi: 1
Buon giorno a tutti,
scusate se sono sparito da molto (anche se solo virtualmente e non dalla vita di qualcuno di voi) però vi seguo sempre con attenzione anche grazie a Stealthy.

Quando però oggi ho letto il nome di Michele LaPlaca e il resto, non posso non aggiungere un mio commento sulla questione. D'altronde quando hai studiato e sudato su un importante manuale di microbiologia come quello del prof. La Placa, una vera istituzione nel campo (e una vera Bibbia che usano molte università), non puoi che essere contento del fatto che sia anche una persona così disponibile e cordiale, pronta a mettersi in gioco anche alla sua età.

La risposta del Rettore è qualcosa di totalmente inaccettabile, oltreché di un'arroganza spaventosa. Mi sembra inoltre che ci sia un po' di confusione tra libertà di parola, libertà di insegnamento e i doveri di un ateneo. In casa sua o nella sua testa uno può fare quello che vuole, negare l'HIV, la Shoah, credere agli alieni... Quando un professore firma un contratto con un'università, sicuramente ha la libertà di insegnare la materia che gli viene assegnata dalla sua cattedra nel modo che ritiene più opportuno, e quindi il concetto di libertà di insegnamento esiste e un ateneo non può essere paragonato alle scuole medie.
Ma se ci sono prove concrete che la materia che è stata assegnata ad un professore non rispetta il programma e anche i valori che si impone un ateneo, credo si possa parlare anche di giusta causa per un licenziamento. Non trovate?
Se una segretaria non svolge il lavoro che dovrebbe fare, rischia di perdere il posto. Così come un professore che deve formare gli studenti di Medicina su TUTTI gli agenti patogeni esistenti in natura, per poi passare alla relativa clinica, credo possa essere considerato inadempiente ai suoi obblighi se omette o travisa una realtà ben nota in ambito nazionale ed internazionale.
Un professore di Fisica è libero di affermare che Einstein sia un cretino e proporre ai suoi studenti una nuova teoria della relatività di sua produzione, rischiando però di essere cacciato dalla stessa università (non credo che un professore sia diverso, non so, dal Presidente degli Stati Uniti: l'impeachment di Clinton l'abbiamo visto tutti... ed era l'uomo più potente del mondo). In questo caso non si rischia però di giocare con la vita e la salute della gente...

Scusate lo sfogo a braccio, ma parlando con Stealthy era un po' che ragionavo sui diritti ma anche sui doveri di un professore universitario. Forse sarebbe il caso di andare a fare qualche ricerca in merito, perché non credo proprio nessuno sia intoccabile a questo mondo se compie una stronzata colossale.

saluti a tutti, Dedex


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 13 marzo 2012, 19:17 
Non connesso

Iscritto il: domenica 18 marzo 2007, 18:19
Messaggi: 742
Località: SARANNO POI CAZZI MIEI UHUHUUHUHU
deddy :D


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 4 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010