HIVforum.info

HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, dei problemi della sieropositività, di farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è sabato 19 agosto 2017, 14:01

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 14:49 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5903
L'autunno scorso, Frontiers in Public Health, una rivista peer reviewed del gruppo Frontiers, ha pubblicato un articolo di Patricia Goodson, una psicologa che insegna Health and Kinesiology presso la Texas A&M University.
L'articolo ripropone tutti i temi - innumerevoli volte confutati - del negazionismo dell'HIV/AIDS ed è una summa della spazzatura pseudoscientifica usata dall'agonizzante movimento negazionista per convincere le persone con HIV/AIDS, e chiunque sia a rischio di contrarre l'infezione, che il virus non esiste o è innocuo, che la loro diagnosi è una truffa, che l’HIV/AIDS non è trasmissibile per via sessuale o materno-infantile, e che i farmaci antiretrovirali sono la "vera" causa della sindrome da immunodeficienza acquisita.

La reazione costernata e indignata della comunità scientifica e degli attivisti indusse l'editore ad aprire un'indagine per capire come si fosse potuti arrivare a pubblicare quell'articolo.

L'indagine ha portato ad una conclusione, che ha finito con il trasformare quella che poteva essere una semplice, per quanto grave, svista dei revisori e dei supervisori in una débâcle della rivista: l'articolo di Patricia Goodson, infatti, non è stato ritrattato, ma soltanto declassato ad "opinione" dell'autrice. Continua dunque a fare bella mostra di sé in PubMed (tutto quello che abbiamo perso è stato soltanto un abstract - ha commentato compiaciuto David Crowe, il presidente di Rethinking AIDS) e può così essere utilizzato dal movimento negazionista per la sua opera di propaganda fra persone per le quali che un articolo sia da considerarsi una "opinione" o un vero e proprio articolo di ricerca non fa nessuna differenza: è pubblicato su una rivista peer reviewed e tanto basta.

Poiché è certamente vero che ciascuno è libero di avere le "opinioni" che preferisce, ma molto meno vero e accettabile è che una rivista che si pretende scientifica pubblichi qualsiasi fesseria pseudo- e anti-scientifica a chiunque venga in mente di sottoporle un articolo, dopo essermi consultata con gli amministratori del forum e con amici attivisti, ho preparato una lettera di protesta da mandare agli editor di Frontiers.

A questa iniziativa hanno aderito quattro fra i nostri migliori scienziati, quattro persone che in tanti anni hanno sempre generosamente unito la loro attività di ricerca all'impegno presso la community delle persone con HIV/AIDS. I loro nomi compaiono in calce alla lettera, che vi riporto qui sotto.

Seguiranno due post, che ho scritto a fine settembre e a metà febbraio per raccontare nei dettagli questa sconcertante vicenda.
Infine seguirà la traduzione in italiano della lettera mandata a Frontiers.

******************************



HIV/AIDS denialism at Frontiers in Public Health

To

Frontiers in Public Health
Frontiers
EPFL Innovation Park, Building I
CH – 1015 Lausanne, Switzerland


HIV/AIDS Chief Editors

Nina Bhardwaj, New York University School of Medicine Langone Medical Center, New York, USA

John B.F. de Wit, The University of New South Wales, Sydney, Australia

Frank Miedema, University Medical Centre Utrecht, Utrecht, Netherlands


CC to

Kamila Makram, CEO of Frontiers

Editorial Office of Frontiers


    March 1st, 2015

As PLWHAs, scientists, clinicians and activists we are dismayed at the decision of Frontiers in Public Health to publish an article whose sole purpose is to promote HIV/AIDS denialism: Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent. (1)

The individuals who developed this piece are associated with a well-known internet based group (2) whose ideological purpose is to convince people with HIV/AIDS, and those who are at risk, that the virus does not exist or is harmless, that their diagnosis is a fraud, that HIV/AIDS is not sexually transmissible, and that competent treatment of the disease including the prevention of mother to child transmission is a cruel hoax perpetrated by greedy and foolish doctors, the pharmaceutical industry, governments, and gay activists.

It is difficult to understand how in 2015 a professional journal focused on public health could willingly lend support such a perverse project.

As a work of supposed scholarship, the paper is of manifestly poor quality. Likewise, its call to public health practitioners to take seriously such claims and to engage with them in informed debate is disingenuous: such “debates” have been carried on ad nauseam for decades, and serve only as a tactic to generate sound and fury in order to try to convince the denialists’ target audience that there is genuine uncertainty in the scientific and medical communities about whether HIV exists or causes any human disease. (3) Attempting to engage denialists is pointless: they have demonstrated conclusively over the past 30 years that they are impervious to evidence based counterargument, and will simply repeat the same claims over and over despite repeated refutation and painstaking explanation. Invariably such “debates” degenerate into personal attacks, and on a number of occasions to lawsuits.

Clearly, no one familiar with the basic science could take any of this paper’s contentions seriously, but its purpose is not to convince competent scientists or clinicians. Its purpose is to try to lend a veneer of credibility to their argument, when they target their main audience in social media. (4)

Dr. Goodson’s opening argument that “according to established immunology principles” the detection of antibodies necessarily demonstrates a past resolved infection and not a present one will be recognized as nonsense by anyone with basic science literacy, but is calculated to provide false reassurance to people with HIV who are struggling with their diagnosis.

She concludes her argument by blithely dismissing at a stroke the vast epidemiological literature demonstrating the causal relationship between HIV infection and AIDS with the statement that “epidemiological data do not provide evidence for causation”. It beggars belief that someone who teaches public health in a US institution could so profoundly misstate the fundamentals of her field, or that such a statement could pass unremarked on in a public health journal.

In between, she recites a familiar litany of tired falsehoods, misrepresentations and misapprehensions designed to mislead her intended audience into ignoring and dismissing measures to prevent, diagnose and treat a serious infectious disease. Dr. Goodson asserts, for example, that an HIV-1 Western Blot with bands at gp41, p32, and p24 is read as “negative” in Africa and Australia, which is patently false. Citing no less an authority than Dr. Henry Bauer himself she claims that HIV-1 p24 and gp41 are “found in blood platelets of healthy individuals.” which is again untrue. She states that “a retrovirus is nothing more than RNA with an outer protein shell” which “enables it to bind to cells of the type it infects”, ignoring the lipid bilayer envelope and other key components of lentiviruses.

She states incorrectly, that antiretroviral drugs “destroy the immune systems’ healthy T-cells”, and “cause a collapse identical to AIDS”, and that the apparent “miraculous recovery” observed by patients with AIDS using them is nothing more than a temporary illusion created by their broad spectrum antimicrobial effects.

There is nothing in Dr Goodson’s paper that warrants informed debate, nor any insight that could possibly contribute positively to public health.

We cannot understand how such obvious untruths and misrepresentations were able to pass through the filter first of the peer review and later of an investigation which has “sought expert input from the Specialty Chief Editors of the HIV and AIDS section of Frontiers in Public Health and Frontiers in Immunology”. (5)

Open access publishing is not merely a discourse among scholars but its very accessibility intersects with that of lay social media where it can be open to abuse by interests that seek to borrow the reputation of peer reviewed journals to further agendas inimical to public interest: this creates an enhanced obligation on publishers to be mindful of potential audiences and to avoid causing harm to readers who might lack the background knowledge and skills to evaluate contentious and clearly counterfactual claims, especially where such deliberate misinformation might lead individuals to make poor health decisions.
While it may have been the intention of the publisher that such claims might be conclusively dealt with by open debate on their pages, in reality this has not been possible in the case of HIV/AIDS denialism for many years, if ever. Such "debates" are futile because denialists by their nature are not amenable to reason or evidence, and in reality there is no dispute among informed scientists and clinicians about whether HIV exists and causes disease. (6)

Frontiers' publisher has possibly misinterpreted the lack of public engagement with Dr Goodson's absurd paper as approval of, or at least indifference to, its publication. In fact many of us have trusted the good sense of Frontiers' editors to take appropriate action for such a bizarre submission with obvious adverse implications for public health, and did not wish to add unnecessarily to the publisher’s further humiliation by contentious public criticism in the comments.

Unfortunately our trust in the judgment of Frontiers' senior editors appears to have been misplaced. The decision to demote the paper to “Opinion Article” will make no difference to the intended lay audience who will see only that Goodson’s claims are published in a peer reviewed journal of some repute, and are therefore credible.

The original publication of the paper was an embarrassing error which has highlighted to readers and potential contributors a significant deficit in the journal’s editorial oversight. In its Statement of Concern, the publisher has promised to make public the outcome of its investigation into how this paper came to appear in its journal. (7) To date this has not occurred.

The decision by Frontiers’ senior editors to support continued publication despite being made aware of the likely public health consequences of such a decision is incomprehensible, and appears to demonstrate indifference to, or a lack of understanding of, the journal’s responsibilities to its readers, contributors and to the wider community.



(1) http://journal.frontiersin.org/article/ ... 00154/full
(2) http://rethinkingaids.com/
(3) http://journals.plos.org/plosmedicine/a ... ed.0040256
(4) https://www.facebook.com/groups/RethinkingAIDS/
(5) http://journal.frontiersin.org/article/ ... 00037/full
(6) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10894520
(7) http://retractionwatch.com/2014/09/26/p ... stigation/




    Dora – On behalf of the HIVforum Group


Guido Poli, AIDS Immunopathogenesis Unit, San Raffaele Scientific Institute and Vita-Salute San Raffaele University, Milano, Italy
Guido Silvestri, Emory University School of Medicine, Emory University, Atlanta, GA, USA
Andrea Savarino, Istituto Superiore di Sanità, Rome, Italy
Giovanni Maga, Institute of Molecular Genetics IGM-CNR National Research Council, Pavia, Italy


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 14:56 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5903
Dora ha scritto:
TRY IT AGAIN HENRY


La tattica principale per acquisire visibilità seguita dal gruppo di negazionisti dell’HIV/AIDS che fa capo a Rethinking AIDS è divenuta in questi ultimi anni quella di portare in tribunale chi li contrasta, denunciandolo per diffamazione o, negli Stati Uniti, di assumere la difesa di persone accusate di aver trasmesso l’HIV, sostenendo che non possono aver trasmesso un virus che non esiste/che non è mai stato *purificato* e che è stato loro diagnosticato in modo fraudolento.
Perdono sempre, l’abbiamo visto, con conseguenze drammatiche per i loro assistiti, che avrebbero meritato una difesa appropriata invece dei deliri pseudoscientifici di poliziotti in pensione.

Di tanto in tanto, però, ancor oggi si riaffaccia la loro tattica originaria: il tentativo di pubblicare articoli su riviste scientifiche peer reviewed, con l’obiettivo di diffondere le loro idee attraverso i canali della letteratura scientifica, cioè di dare loro una patente di scientificità, facendo credere che il dibattito sul ruolo causale dell’HIV nella patogenesi dell’AIDS sia ancora aperto.

L’ultima volta questo è accaduto fra il 2009 e il 2011, quando tentarono di pubblicare in Medical Hypotheses un articolo di Peter Duesberg e David Rasnick in cui si negava che in Africa ci sia un’epidemia di AIDS utilizzando “ragionamenti” epidemiologici del tutto fantasiosi – ad esempio, che non era possibile che in Sud Africa molte persone stessero morendo di AIDS, perché negli ultimi anni la popolazione di quel paese era aumentata (cfr. Ben Goldacre, Medical Hypotheses fails the Aids test).
Questo scatenò polemiche a non finire, che portarono al ritiro dell’articolo, al licenziamento del direttore della rivista e all’imposizione da parte dell’editore, Elsevier, di una peer review che fino ad allora era mancata.

Ma Duesberg e colleghi non si diedero per vinti e nel 2011 riuscirono, aggiungendo come autore dell’articolo solo leggermente rimaneggiato un Marco Ruggiero che era nel frattempo stato cooptato nel board di Rethinking AIDS, a pubblicare lo stesso materiale in una rivista il cui editore è l’Università di Firenze: il famigerato Italian Journal of Anatomy and Embryology (cfr. Snout, AIDS denialism at the Italian Journal of Anatomy and Embryology e More pseudoscholarship from the Italian Journal of Anatomy and Embryology).

Le reazioni indignate della comunità scientifica e degli attivisti non si fecero attendere e furono raccolte in una serie di articoli su Nature News and Comment (cfr. qui, qui e qui), portando all'abbandono del comitato di redazione dell'IJAE da parte di due membri, infuriati con le politiche editoriali del direttore, Paolo Romagnoli, e a una lettera alla rivista da parte di due reputati scienziati, che gli autori dell'articolo avevano ringraziato come "collaboratori", ma che proprio non ci tenevano a stare in siffatta squalificante compagnia (la pessima abitudine di cooptare i nomi di scienziati per bene per darsi una patina di rispettabilità la si ritrova anche nell'articolo di cui parliamo oggi, che nell'elenco di scienziati "critici dell'ipotesi HIV/AIDS" aggiunge a sua insaputa James Chin, che tutto potrebbe essere, tranne che un negazionista).

Fra le reazioni all'articolo sull'IJAE, non posso non ricordare la nostra lettera al Rettore dell’Università di Firenze, che portò a un’inchiesta universitaria sulle attività di Marco Ruggiero, i cui esiti furono il radicale ridimensionamento dell’autonomia accademica del professor Ruggiero, con la sua messa di fatto sotto tutela nella scelta degli argomenti dei corsi e delle tesi di laurea, e il suo deferimento all’Ordine dei Medici, che proprio di recente l’ha sanzionato, sospendendolo dall’esercizio della professione.

Bene, non contenti della debacle del 2012, i negazionisti di Rethinking AIDS oggi ci riprovano.

A provarci è una psicologa che insegna Health and Kinesiology presso la Texas A&M University, Patricia Goodson, più nota per una serie di pubblicazioni in cui studia l’astinenza dal sesso fuori dal matrimonio e l’aborto che per le sue competenze nel campo dell’epidemiologia o della virologia, ma che già nel 2012 aveva tentato di fare uno studio (finito in niente, a quanto pare, perché l’università non gliel’ha finanziato) sulle “Decisioni di interrompere (o mai iniziare) i trattamenti farmacologici per l’infezione da HIV: uno studio pilota sui Long-Term Non Progressors (LNTP)”, per il quale aveva cercato di reclutare pazienti fra i simpatizzanti di Rethinking AIDS, mettendo così in fibrillazione sia il presidente dell'associazione, David Crowe, sia un altro alto esponente del gruppo, il cacciatore di Nessie di Lochness Henry Bauer.

Goodson ha pubblicato un paio di giorni fa un articolo – Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent – in cui vengono riproposti i temi triti e ritriti e innumerevoli volte confutati del negazionismo dell’HIV/AIDS.
La pubblicazione, immediatamente salutata nei commenti a piè di pagina proprio da Henry Bauer, avviene in Frontiers in Public Health, una rivista di un gruppo svizzero che fa capo a Nature e che pubblica una serie di Frontiers in …, che sono open access e sostengono di essere regolarmente peer reviewed, ma sulle quali si stanno da tempo addensando molti legittimi dubbi.
Ed è lecito pensare che la peer review adottata da Frontiers in Public Health per valutare l’articolo di Patricia Goodson non sia fondamentalmente diversa da quella adottata presso l’Italian Journal of Anatomy and Embryology.

    Immagine

La reazione della comunità scientifica, anche in questo caso, è stata rapida: in Aetiology, il blog che cura per il sito di Science, Tara Smith ha scritto venerdì un post, esasperato dalla noia di dover ancora una volta riaffrontare questioni che si pensavano risolte da anni: HIV denial: alive and well in 2014.
Qui ci viene raccontato che i presunti peer reviewers dell’articolaccio di Patricia Goodson sono, proprio come l’autrice dell’articolo, privi di qualsiasi competenza in epidemiologia e in virologia. Vengono inoltre sottolineati alcuni degli aspetti che rendono il lavoro di Goodson pura spazzatura pseudoscientifica.

Subito è intervenuta nei commenti una portavoce del Nature Publishing Group, per spiegare che loro non c’entrano nulla con i contenuti pubblicati nelle riviste di Frontiers.

E sarà anche così, forse Nature davvero non ha voce in capitolo. Sta di fatto, però, che passano poche ore e dall’Editorial Office di Frontiers arriva uno Statement of concern sull'articolo, dal quale apprendiamo che

    The article "Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent" (Goodson 2014), was accepted for publication on the 7th September 2014. In its duty to publish responsibly, and in light of numerous complaints received about the paper, Frontiers has launched an investigation, the outcome of which will be made public once all adequate procedures have been completed. September 26, 2014. Frontiers Editorial Office, Lausanne, Switzerland

Sì, hanno buone ragioni per essere preoccupati e investigare sul pasticcio che hanno combinato. Potevano pensarci prima, però.

Anche a Retraction Watch hanno qualcosa da dire e in un post intitolato Publisher issues statement of concern about HIV denial paper, launches investigation, raccontano brevemente la vicenda, e in più segnalano che Frontiers ha qualche serio problema da risolvere oltre a quello della scelta dei revisori e a quello della pubblicazione di robaccia antiscientifica, perché ha ritrattato un articolo cedendo davanti alle minacce dei negazionisti del cambiamento climatico (si tratta di Recursive Fury di Stephan Lewandowsky, del quale abbiamo parlato qui e qui e la cui ritrattazione ha comportato, a valanga, le dimissioni di tre professori universitari che prestavano la loro opera come editors a Frontiers - curiosamente, uno di questi è il professor Ugo Bardi, dell'università di Firenze):


E, sempre in riferimento alla gestione poco seria delle revisioni paritarie da parte delle riviste di Frontiers, si potrebbe poi anche ricordare il lavoro di Marco Ruggiero, Stefania Pacini e Jeff Bradstreet su un metodo per diagnosticare l'autismo cercando anomalie cerebrali mediante ultrasonografia: uscì su Frontiers in Human Neurosciences lo scorso gennaio e, come ricorda "herr doktor bimler" nel suo commento di oggi al post di Tara Smith,

    can best be described as ‘contentious’.

E per diverse ragioni, non ultima il fatto che i risultati del processo con gli ultrasuoni vengono trattati con Photoshop (non una inezia, ma un peccato mortale, che non deve trovare spazio in una pubblicazione scientifica). Inoltre, i revisori di quel lavoro hanno scritto in seguito un commento all'articolo raccomandandone la lettura a chiunque se lo fosse perso e risultano essere associati l'un l'altro da ricerche/affari comuni. Difficile far credere che abbiano espresso una valutazione onesta e disinteressata.
Ah, e poi c'è anche il fatto che il socio dei Ruggiero, Bradstreet - come abbiamo già avuto modo di ricordare - è un "chirurgo militare creazionista, pensionato dalla Marina americana e titolare di un centro di terapie pediatriche dell’autismo che comprendono esorcismo, chelazione e camera iperbarica" ed è arrivato addirittura a proporre la castrazione chimica per "curare" l'autismo. Da qualche tempo è anche lui un propugnatore del GcMAF.


La disponibilità a pubblicare certi lavori conduce una rivista direttamente nell'universo parallelo dei predatory journals e a Frontiers forse stanno cominciando a capirlo.

Qualcosa mi dice che non accadrà come per la truffa di Yamamoto. No, non credo proprio che dovremo attendere 5 anni per veder ritrattare l’articolo di Patricia Goodson.


Try it again Henry.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 14:58 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5903
Dora ha scritto:
    Immagine


*PASSARE IL SEGNO*

IL CONFINE FRA SCIENZA E PSEUDOSCIENZA TALVOLTA È SOTTILE E MOLTO DIFFICILE DA INDIVIDUARE.
MA QUESTA VOLTA PROPRIO NO, LA DEMARCAZIONE ERA UN GIOCO DA RAGAZZI.
UN GIOCO CHE A FRONTIERS HANNO DECISO DI GIOCARE SPORCO.


Temo di avere peccato di ottimismo. Speravo e pensavo che a Frontiers avrebbero preso sul serio il rischio che una rivista scientifica e un editore corrono quando pubblicano robaccia pseudoscientifica, ma deve essermi sfuggito qualche elemento importante.

Eravamo rimasti a fine settembre, quando uno Statement of Concern da parte dell’editore Frontiers (ora cancellato, ma nella sua frase principale ancora leggibile qui) prendeva atto della serietà dell’impatto che “l’indebolimento del legame fra HIV e AIDS può avere sulla salute pubblica” e prometteva un’indagine sull’articolo negazionista di Patricia Goodson.

Dopo un’indagine che ha preso ben quattro mesi e in cui l’editore ha cercato il consiglio esperto dei capiredattori delle sezioni HIV e AIDS di Frontiers in Public Health, la rivista su cui è uscito l’articolo di Goodson, e di Frontiers in Immunology, la rivista su cui diversi ricercatori nel campo dell’HIV/AIDS di cui ci è capitato di occuparci hanno pubblicato i loro lavori, la decisione è stata la seguente:

    - l’articolo “Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent” è stato declassato da “articolo su ipotesi e teorie” ad “articolo di opinione”, che rappresenta il punto di vista di una persona – questo comporta che non venga più indicizzato da PubMed;
    - è stato chiesto a Seth Kalichman di scrivere un commento all’opinione personale della dottoressa Goodson, per “discutere le preoccupazioni e analizzare il punto di vista all’interno di un discorso scientifico sull’argomento”.


Dal mio personale punto di vista, questa soluzione si delinea come un trucco da illusionisti ed è assai inquietante per le sue inevitabili implicazioni.

Immagine

Cercare una mediazione a tutti i costi non è sempre una strategia intelligente e con i negazionisti probabilmente non lo è mai – ne abbiamo avuto un esempio inequivocabile nella fallimentare strategia di compromesso attuata dall’Università di Firenze nei confronti di Marco Ruggiero.

Se Frontiers desidera continuare ad essere un editore di riviste scientifiche, la pubblicazione – per quanto declassata a opinione personale – di una summa del pensiero negazionista sull’HIV/AIDS dimostra quanto sia confuso questo editore riguardo alla questione (non eludibile) della demarcazione fra scienza e pseudoscienza, fra scienza e ciarlataneria.

E che l’articolo di Goodson di scientifico non abbia nulla lo può capire chiunque abbia una certa dimestichezza con i trucchi usati nelle pseudoscienze per darsi una patina di scientificità, buona solo per confondere gli inesperti: dalla ripresa di argomentazioni, spacciate per verità assodate mentre sono state confutate da decenni già centinaia di volte, all’uso distorto delle citazioni; dalla scelta selettiva delle “evidenze”, con la soppressione delle prove contrarie e la scelta di dati che paiono confermare le ipotesi di partenza, alla citazione dei soli autori negazionisti, con la magica cancellazione di trent’anni di ricerca sull’HIV/AIDS.

Non ci vuole un grande esperto per capire che l’articolo di Goodson è esattamente quel tipo di “robaccia pseudoscientifica” da cui un editore serio dovrebbe tenersi lontano come dalla peste.
Eppure a Frontiers hanno preferito cercare un compromesso disonorevole piuttosto che sconfessare i peer reviewers e semplicemente gettare il lavoro della dottoressa Goodson fra la spazzatura cui appartiene.

Perché?

Il chief editor di Frontiers in Immunology esperto di HIV/AIDS interpellato dall’editore ha davvero ritenuto che quella robaccia negazionista potesse continuare a comparire accanto agli articoli che trattano di scienza dell’HIV? Oppure la sua opinione è stata cestinata? In tal caso, si è forse dimesso?

E che cosa dobbiamo pensare di un editore che pubblica un lavoro negazionista sull’HIV/AIDS quando quello stesso editore cede alle pressioni dei negazionisti climatici, ritrattando l’articolo Recursive Fury di Stefan Lewandowsky?

Che cosa dobbiamo pensare di un editore che pubblica Ruggiero, Pacini e Bradstreet, che diagnosticano l’autismo attraverso immagini photoshoppate e senza dichiarare i conflitti di interesse con la Immuno Biotech, che produce la pretesa “cura” dell’autismo da loro propugnata? E che dire dei rapporti di interesse non dichiarati fra gli autori e gli entusiastici revisori paritari?

Non sono un po’ troppe ormai le strizzate d’occhio che Frontiers fa al mondo delle pseudoscienze?

Aggiungiamo a questo che anche la revisione paritaria di articoli scientifici fa acqua da tutte le parti. Un esempio ce lo fornisce la pubblicazione – proprio su Frontiers in immunology! – dell’articolo di Andrieu sul vaccino franco-cinese, in cui ai revisori è “sfuggito” che i dati sugli esperimenti sono stati pubblicati in modo incompleto e che i dati mancanti sono – ma che strano – proprio quelli che potrebbero inficiare la pretesa efficacia protettiva del vaccino sulle scimmie.
E vogliamo ricordare che quegli stessi revisori così distratti pubblicarono, sempre su Frontiers in Immunology, un commento in cui magnificavano il lavoro di Andrieu per essere così brillantemente “out-of-the-paradigm” e sollecitavano finanziamenti per quest’opera di genio?
Ora Guido Silvestri sta rifacendo la sperimentazione: se confermerà i risultati di Andrieu, la svista dei revisori sarà soltanto una pecca formale. Ma se non riuscirà a confermarli, significherà che saranno stati spesi inutilmente tanto tempo e tanto denaro che sarebbero potuti essere impegnati in ricerche più proficue.
Senza contare il clamore mediatico sollevato da giornalisti che confondono elisir con cocktail e stimolano false speranze nei malati e illusioni nei sani.

A Frontiers si stanno prendendo delle responsabilità enormi nel promuovere spazzatura pseudoscientifica e lavori scientifici mal controllati.
Non se ne rendono conto?
Oppure è proprio quello che vogliono?
Cancelliamo le frontiere - ché fa tanto cittadini del mondo - e apriamo le porte a ogni cialtroneria pseudoscientifica dei tanti Goodson che scalpitano per pubblicare?


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 15:00 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5903
Traduzione della lettera inviata Frontiers

NEGAZIONISMO DELL’HIV/AIDS A FRONTIERS IN PUBLIC HEALTH


In quanto persone con HIV/AIDS, scienziati, clinici e attivisti, noi siamo costernati per la decisione di Frontiers in Public Health di pubblicare un articolo il cui solo scopo è la promozione del negazionismo dell’HIV/AIDS: Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent. (1)

Le persone che hanno prodotto questo lavoro sono associate a un ben noto gruppo online (2) il cui obiettivo ideologico è di convincere le persone con HIV/AIDS, e coloro che sono a rischio, che il virus non esiste o è innocuo, che la loro diagnosi è una truffa, che l’HIV/AIDS non è trasmissibile per via sessuale, e che il trattamento scientificamente provato della malattia, compresa la prevenzione della trasmissione da madre a figlio, è un crudele imbroglio perpetrato da medici avidi e stolti, dall’industria farmaceutica, dai governi e dagli attivisti gay.

È difficile comprendere come nel 2015 una rivista professionale dedicata alla salute pubblica possa essere disposta a dare supporto a un progetto così dannoso.

Come presunta opera accademica, l’articolo è chiaramente di scarsa qualità. Parimenti, la sua richiesta ai professionisti della sanità di prendere sul serio le sue affermazioni e di impegnarsi a discuterle è in malafede: tali “discussioni” sono state fatte per decenni fino alla nausea e servono soltanto come una tattica per fare rumore al fine di convincere il target di riferimento dei negazionisti che ci sia una genuina incertezza nella comunità scientifica e medica sul fatto che l’HIV esista o provochi alcuna malattia negli esseri umani. (3) Il tentativo di discutere con i negazionisti è vano: hanno definitivamente dimostrato nel corso degli ultimi 30 anni di essere impermeabili alle contro argomentazioni basate sull’evidenza, e si limitano a ripetere sempre continuamente le stesse affermazioni, nonostante queste siano state più volte confutate e scrupolosamente spiegate. Invariabilmente questi “dibattiti” degenerano in attacchi personali e in diverse occasioni hanno portato a cause legali.

Chiaramente, nessuno che abbia familiarità con le basi stesse della scienza potrebbe prendere sul serio nessuna delle argomentazioni avanzate in questo articolo, ma il suo obiettivo non è quello di convincere scienziati o clinici esperti. Il suo obiettivo è tentare di dare una parvenza di credibilità al loro argomento nel momento in cui si rivolgono al loro pubblico principale sui social media. (4)

L’argomento iniziale della Dr Goodson, secondo cui “in base a consolidati principi dell’immunologia” il rilevamento di anticorpi dimostra necessariamente un’infezione passata ormai risolta e non una presente, è riconosciuto come una sciocchezza da chiunque abbia conoscenze scientifiche elementari, ma è intenzionalmente utilizzato per dare una falsa rassicurazione a persone con HIV che stanno facendo i conti con la loro diagnosi.

La Dr Goodson conclude la sua argomentazione rigettando allegramente in un colpo solo l’immensa letteratura epidemiologica che dimostra la relazione causale fra infezione da HIV e AIDS con l’affermazione che “i dati epidemiologici non forniscono prove di causazione”. È incredibile che qualcuno che insegna salute pubblica in un’istituzione americana possa travisare così profondamente i fondamenti stessi del suo campo, o che una simile frase possa passare inosservata in una rivista dedicata alla salute pubblica.

Fra la fine e l’inizio dell’articolo, recita una litania ben nota di falsità stantie, travisamenti ed errori, concepiti per ingannare i suoi destinatari e spingerli a ignorare e respingere misure per prevenire, diagnosticare e trattare una grave infezione. Ad esempio, la Dr Goodson sostiene che un Western Blot per HIV-1 con bande a gp41, p32 e p24 è letto come “negativo” in Africa e in Australia - il che è manifestamente falso. Citando come autorità nulla di meno che il Dr Henry Bauer in persona, sostiene che la p24 e la gp 41 dell’HIV-1 si “trovano nelle piastrine del sangue di individui sani” - il che è di nuovo falso. Afferma che “un retrovirus non è nulla di più che dell’RNA con un guscio esterno di proteine” che “gli permette di legarsi alle cellule del tipo che infetta”, ignorando il doppio strato lipidico della envelope e altre componenti chiave dei lentivirus.

Afferma scorrettamente che i farmaci antiretrovirali “distruggono i linfociti T sani del sistema immunitario” e “causano un collasso identico all’AIDS”, e che l’apparente “miracolosa ripresa” osservata nei pazienti con AIDS che li assumono non è nulla più che un’illusione temporanea creata dall’ampio spettro di effetti antimicrobici di questi farmaci.

Non c’è nulla nell’articolo della Dr Goodson che garantisca un dibattito informato, né alcuna intuizione che potrebbe contribuire positivamente alla salute pubblica.

Noi non riusciamo a comprendere come simili falsità e travisamenti possano essere passati attraverso il filtro prima della peer review e poi di un’indagine che “ha cercato il contributo di esperti interpellando i capiredattori della sezione HIV e AIDS di Frontiers in Public Health e di Frontiers in Immunology”. (5)

La pubblicazione open access non è semplicemente un discorso fra studiosi, ma proprio la sua accessibilità si pone all’intersezione con quella dei social media, dove può essere abusata da parte di interessi che cercano di beneficiare della reputazione delle riviste peer review per fare avanzare programmi nemici dell’interesse pubblico: questo impone agli editori un maggior obbligo a fare attenzione al proprio possibile pubblico e a evitare di causare danni a lettori che possono essere privi delle conoscenze e delle competenze necessarie per valutare affermazioni controverse e chiaramente controfattuali, soprattutto quando una tale disinformazione potrebbe condurre alcuni a prendere cattive decisioni sulla loro salute.

Mentre è possibile che l’intenzione dell’editore sia stata che quelle affermazioni venissero affrontate in modo definitivo mediante un dibattito pubblico sulle sue pagine, questo in realtà non è stato possibile farlo nel caso del negazionismo dell’HIV/AIDS da molti anni – se mai è stato possibile. Questi “dibattiti” sono futili poiché i negazionisti, per la loro stessa natura, non sono disposti ad ascoltare ragioni o a prendere in considerazione le evidenze, e di fatto non c’è alcun dibattito fra scienziati e clinici competenti sulla questione dell’esistenza dell’HIV e della sua capacità di causare malattia. (6)

L’editore di Frontiers ha forse scambiato l’assenza di contrasto pubblico dell’assurdo articolo della Dr Goodson per approvazione, o almeno indifferenza, alla sua pubblicazione. In realtà, molti di noi si sono fidati del buon senso dei responsabili di Frontiers nel prendere provvedimenti appropriati nei confronti di una presentazione così stravagante, con ovvie implicazioni negative per la salute pubblica, e non hanno voluto peggiorare l’umiliazione dell’editore con polemiche e critiche pubbliche nei commenti.

Sfortunatamente la nostra fiducia nei confronti del giudizio dei caporedattori di Frontiers sembra essere stata mal riposta. La decisione di degradare l’articolo ad “articolo di opinione” non farà alcuna differenza per il pubblico profano, che recepirà soltanto il fatto che le affermazioni di Goodson sono pubblicate in una rivista con peer review di una certa fama, e dunque sono credibili.

La pubblicazione originale dell’articolo è stata un errore imbarazzante, che ha evidenziato ai lettori e ai possibili collaboratori un deficit significativo nella supervisione editoriale da parte della rivista. Nel suo Statement of Concern, l’editore ha promesso di rendere pubblico il risultato dell’indagine su come sia stato possibile che l’articolo sia uscito sulla sua rivista. (7) Ad oggi, questo non è ancora avvenuto.

La decisione dei caporedattori di Frontiers di mantenere in essere la pubblicazione nonostante siano stati resi edotti delle conseguenze sulla salute pubblica di tale decisione è incomprensibile, e sembra dimostrare indifferenza o mancanza di comprensione delle responsabilità della rivista nei confronti dei suoi lettori, dei suoi collaboratori e della comunità più ampia.


(1) http://journal.frontiersin.org/article/ ... 00154/full
(2) http://rethinkingaids.com/
(3) http://journals.plos.org/plosmedicine/a ... ed.0040256
(4) https://www.facebook.com/groups/RethinkingAIDS/
(5) http://journal.frontiersin.org/article/ ... 00037/full
(6) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10894520
(7) http://retractionwatch.com/2014/09/26/p ... stigation/


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 3 marzo 2015, 23:56 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: lunedì 26 novembre 2007, 0:07
Messaggi: 4931
Ecco, vorrei solo aggiungere una cosa, che ho già sostenuto -sicuramente con Dora, non ricordo se qui- e che per me è esiziale: il “declassamento” di questa roba improponibile a “opinione” è addirittura peggio della sua originaria pubblicazione come articolo (sai che ridere) scientifico.

Avere delle opinioni è una gran bella cosa, e discutere sulle opinioni può essere interessante: ma in questo caso è un metodo surrettizio per far passare l’idea che si possa discutere di scienza senza essere costretti a provare in maniera concreta le proprie tesi, solo dicendo «è la mia opinione».

La libertà di opinione è il fondamento delle nostre belle società liberali, consente di discutere in relativa sicurezza di politica, etica, religione, e permette di avanzare teorie scientifiche anche quando si è in minoranza: nessuno rinchiuderà nessuno per avere osato sostenere che la Terra gira intorno al Sole.

Ma chiunque sostenga una qualunque tesi sul mondo fisico e pretenda di farla accettare dalla comunità scientifica e trasformarla in guida per l’azione quotidiana ha l’obbligo di provarla, fine: in tale ambito lo spazio per le opinioni è necessariamente limitato alle ipotesi iniziali perché le opinioni non muovono le macchine, non illuminano le case, non curano le persone e, dopo trent’anni, chiunque sostenga una tesi in contrasto con trent’anni di evidenze scientifiche e milioni di pazienti trattati, ha l’obbligo di sconfiggere con prove adeguate tanto i trent’anni di evidenze quanto i milioni di pazienti trattati.

La scelta di Frontiers è stata doppiamente improvvida, perché una roba del genere è stata evidentemente sottoposta a una peer review disattenta (provata dallo stesso declassamento seguente) e perché mantenere questa roba come “opinione” trasforma una rivista che pretende di essere scientifica in un Hyde Park corner in cui qualunque squilibrato può prendere una cassetta della frutta, salirci sopra e urlare «la Terra è piatta», «l’Uomo è nato da una palla di fango quattromila anni fa» o «l’HIV non esiste».


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mercoledì 4 marzo 2015, 14:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 26 ottobre 2014, 15:42
Messaggi: 5956
Tra le altre cose parliamo di riviste scientifiche con un impact factor non troppo basso (nel 2014 credo che il piu alto sia 8.4 circa relativo a Frontiers in Ecology and Environment) con una media di 3.0 nel 2014, che però rispetto a riviste SCIENTIFICHE come Science o Nature con impact factors sull'ordine di 35.0, 40.0, 45.0 e punteggi medi di tutte le loro riviste molto più alti rispetto alle singole di Frontiers (sommando gli impact factor di tutte le riviste di Frontiers quasi si eguaglia il singolo impact factor della sola Nature, il che la dice tutta...) non hanno paragone.
Mi viene da pensare che la decisione di pubblicare scemenze simili sia più dovuta al clamore e alle eventuali citazioni (speriamo non ce ne siano) piuttosto che al rigore scientifico, dato che la Frontiers in Pubblich Health è nata nel 2013 e quindi ancora deve ricevere il suo impact factor e la sua bella pubblicità.
Comunque l'articolo è stato tolto da pubmed (per fortuna esistono ancora persone intelligenti).
Sconvolgenti i commenti della gente sotto l'articolo (tra cui molti rimossi dagli stessi moderatori di Frontiers in quanto ritenuti offensivi, come se il contenuto di questo articolo non fosse di per sé una grave offesa contro il lavoro e l'intelligenza dell'intera umanità).

In tabella gli impact factor 2014, consoliamoci con questo

Immagine

Immagine

Immagine

_________________
CIAO GIOIE


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mercoledì 4 marzo 2015, 16:09 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5903
Blast ha scritto:
Mi viene da pensare che la decisione di pubblicare scemenze simili sia più dovuta al clamore e alle eventuali citazioni (speriamo non ce ne siano) piuttosto che al rigore scientifico, dato che la Frontiers in Pubblich Health è nata nel 2013 e quindi ancora deve ricevere il suo impact factor e la sua bella pubblicità.

Sì, è possibile che abbiano fatto questo calcolo. Dubito però che la fama di pubblicare spazzatura li aiuterà a migliorare il prestigio dei loro autori e la qualità dei lavori pubblicati. Com'è noto, la spazzatura intellettuale si autoalimenta e Frontiers si sta preparando un destino di predatory editor.

Cita:
Comunque l'articolo è stato tolto da pubmed (per fortuna esistono ancora persone intelligenti).

La cosa è andata in modo un po' più complicato: quando l'articolo di Goodson è stato declassato da "articolo di ricerca" ad "opinione", per qualche giorno il richiamo in PubMed è stato messo offline. Poi il titolo è ricomparso, però questa volta privato dell'abstract:

Immagine

Queste ovviamente sono sottigliezze per addetti ai lavori. Alle persone comuni l'unica informazione che arriva è che l'articolo di Goodson è indicizzato come articolo scientifico e questo consente ai "mandanti" dell'articolo di utilizzarlo nella loro opera di propaganda.

Cita:
Sconvolgenti i commenti della gente sotto l'articolo (tra cui molti rimossi dagli stessi moderatori di Frontiers in quanto ritenuti offensivi, come se il contenuto di questo articolo non fosse di per sé una grave offesa contro il lavoro e l'intelligenza dell'intera umanità).

L'editore probabilmente pensava che i commenti in fondo all'articolo avrebbero dato vita a una discussione, da cui sarebbero emersi i punti di forza e di debolezza delle due visioni contrapposte. Ancora una volta, ha fatto male i suoi calcoli e i commenti in fondo all'articolo mostrano soltanto a quali livelli di delirio possano arrivare i capi del movimento negazionista (i calcoli kabbalistici del presidente di Rethinking AIDS sulle lettere che compongono il nome dell'unica persona che abbia avuto il cuore di provare per la milionesima volta a ragionare con persone incapaci di prendere in considerazione l'evidenza dei fatti sono l'esempio più chiaro che il presidente di Rethinking AIDS ha un serio problema a confrontarsi con la realtà).


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mercoledì 4 marzo 2015, 16:20 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5903
Non so se la nostra lettera riceverà mai una risposta da parte degli editors di Frontiers.
Sta però cominciando a circolare e il primo articolo in cui viene citata è un post di Sylvie Coyaud, nel blog che cura per Repubblica:



Dove pubblicare bufale

Immagine

La gestione ("governance") dello Human Brain Project (HBP), un progetto da 1,2 miliardi di euro, è ancora in fase di ridefinizione, la Direzione per l'innovazione e l'information technology della Commissione Europea deve ancora approvare le riforme raccomandate dai suoi esperti.

Per ora Henry Markram del Politecnico di Losanna lo governa da autocrate. Intende costruire una piattaforma informatica per generare software simile a quello del cervello, un abuso di analogia circolare che andrebbe multato. Ci aveva già provato con il progetto "cervello di ratto", altro investimento di fondi europei con risultati minimi e un gigantesco conflitto di interessi che adesso riguarda anche l'HBP.

Un altro motivo per dubitare della sua capacità di dirigere l'HBP distribuendone i finanziamenti, è la governance della sua casa editrice Frontiers e del conflitto d'interessi comune alle riviste sulle quali chi pubblica paga. Troppo spesso quel "business model" dipende più dalla quantità dei clienti che dalla qualità dei loro testi.

Avevo segnalato le fantasie di Patricia Goodson uscite nel settembre scorso su Frontiers in Public Health sotto il titolo "Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent”. Tesi dell'autrice: l'HIV non causa l'AIDS, un complotto mondiale pagato da BigPharma ha censurato i dissensi.

Le critiche erano state immediate e la rivista aveva annunciato un'indagine. Risultato:

During the course of the investigation, Frontiers has sought expert input from the Specialty Chief Editors of the HIV and AIDS section of Frontiers in Public Health and Frontiers in Immunology. Based on the conclusion of the investigation the article type of “Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent” has been changed to an Opinion article, which represents the viewpoint of an individual. In addition, a commentary on the article has been published “Commentary on ‘Questioning the HIV-AIDS hypothesis: 30 years of dissent’,” which discusses the concerns and analyzes the viewpoint within a scientific discourse on the topic.

Tradotto in italiano, se avete i soldi, mandate pure le vostre bufale anche se, come questa, hanno ricadute letali. Reazioni della comunità scientifica su Retraction Watch:

To many scientists, this is too little, too late. As Johns Hopkins biologist Kenneth Witwer notes, publishing a rebuttal actually legitimizes the ‘debate’ by putting AIDS denialism on equal footing with the opposition. (Witwer has called on scientists to boycott the publisher in response.)

Ne aggiungo una che ne riassume molte. L'altro ieri, gli immunologi e virologi Guido Poli del San Raffaele, Guido Silvestri dell'Emory University School of Medicine, Andrea Savarino dell'Istituto Superiore di Sanità e Giovanni Maga dell'IGM-CNR hanno mandato una lettera di protesta agli Specialty Chief Editors e l'hanno pubblicata su HIV-Forum e va letta tutta, secondo me.

Conclusione:

Frontiers' publisher has possibly misinterpreted the lack of public engagement with Dr Goodson's absurd paper as approval of, or at least indifference to, its publication. In fact many of us have trusted the good sense of Frontiers' editors to take appropriate action for such a bizarre submission with obvious adverse implications for public health, and did not wish to add unnecessarily to the publisher’s further humiliation by contentious public criticism in the comments.

Unfortunately our trust in the judgment of Frontiers' senior editors appears to have been misplaced. The decision to demote the paper to “Opinion Article” will make no difference to the intended lay audience who will see only that Goodson’s claims are published in a peer reviewed journal of some repute, and are therefore credible.

The original publication of the paper was an embarrassing error which has highlighted to readers and potential contributors a significant deficit in the journal’s editorial oversight. In its Statement of Concern, the publisher has promised to make public the outcome of its investigation into how this paper came to appear in its journal. To date this has not occurred.

The decision by Frontiers’ senior editors to support continued publication despite being made aware of the likely public health consequences of such a decision is incomprehensible, and appears to demonstrate indifference to, or a lack of understanding of, the journal’s responsibilities to its readers, contributors and to the wider community.


Incomprensibile mica tanto. Frontiers pubblica l'80-90% dei testi che riceve, altrimenti ci rimette. Ognuno veda se boicottare o meno, e se dimettersi o meno da incarichi editoriali che sembravano migliorare il cv e ora molto meno.

h/t HIV Forum, e fonte della tabella "Bullshit Bingo".





"Ognuno veda se boicottare o meno, e se dimettersi o meno da incarichi editoriali che sembravano migliorare il cv e ora molto meno".

Ecco, appunto (D.).


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mercoledì 4 marzo 2015, 19:54 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: lunedì 26 novembre 2007, 0:07
Messaggi: 4931
Non siamo soli, probabilmente la reazione a questa immondizia è ben più vasta, e man mano diventa più evidente.

Oggi TAG, il gruppo di azione statunitense la cui storia è così legata alle battaglie degli anni novanta per la ricerca di trattamenti per l’HIV, ha condiviso l’appello che Kennneth W Witwer, professore associato alla John Hopkins University ha lanciato ai suoi Colleghi, affinché boicottino le riviste di “Frontiers”.

Sono personalmente deliziato dallo scoprire che condividevo senza saperlo il punto di vista di qualcuno i cui articoli sono pubblicati da AIDS, Blood e robette del genere:

No room for pseudoscience in publishing
Publishing pseudoscience, and then standing by it, is a serious and compounded failure.
This is bad news for many (including me) who have published scientific studies with Frontiers, science that is now unfairly tarnished by the political and perhaps financially based decisions by an elite few.
Please consider joining me in supporting integrity in scientific publishing and calling on Frontiers to retract this publication immediately and to re-assign all editors and reviewers who were associated with the decision to capitulate to AIDS denialism.


TAG oggi ha anche condiviso la lettera aperta lanciata da noi e dai quattro protagonisti italiani della ricerca (Guido Poli, Guido Silvestri, Andrea Savarino, Giovanni Maga) che generosamente hanno scelto di sostenere questa iniziativa.

Immagine

Pianin pianetto questo schifo diventa sempre più noto, e il suo puzzo prima o poi diventerà eccessivo persino a Losanna, sede di Frontiers.

Cos’è TAG: http://en.wikipedia.org/wiki/Treatment_Action_Group
Pagina del prof. Witwer: http://www.hopkinsmedicine.org/mcp/facu ... r_phd.html
La “call to action” del prof. Witwer: https://www.linkedin.com/pulse/failure- ... eth-witwer


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mercoledì 4 marzo 2015, 21:08 
Non connesso

Iscritto il: domenica 26 ottobre 2014, 15:42
Messaggi: 5956
Interessante poi i 7 mi piace dopo 6 mesi dalla pubblicazione, devo dire che la gente e gli scienziati sono risultati molto interessati a quella m.e.r.d.a. ahahahhahahahaha
Tra l'altro ci sono anche commenti favorevoli da parte di un biochimico italiano, un certo Mi netti, che lavora all'università di Pavia. Mi domando cosa insegni a quei poveri studenti, dovrebbe essere rimosso a vita dall'incarico e dalla professione

_________________
CIAO GIOIE


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010