HIVforum.info

HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, dei problemi della sieropositività, di farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è sabato 21 luglio 2018, 8:47

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: venerdì 13 luglio 2018, 11:31 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 luglio 2018, 13:08
Messaggi: 22
celafaccio ha scritto:
Annalisa ,
@dora ha colto nel segno ... un medico non puo' e non deve dirti , vai ... tranquilla tutto ok al 100% ... correttamente informano sul discorso U=U ... poi sta' a noi assumerci le responsabilita' e , da genitore ti dico , è fondamentale assumersene visto il passo che si interebbe compiere ...
non ho MAI pensato di infettare moglie e figli , non lo avrei fatto e non ho pensato ai rischi calcolati neanche visto che , non ho avuto mai bleep viremici ...
se si vuole una cosa , la si va' a prendere e basta , i "sapienti" quindi i medici possono donarci il loro sapere basato su prove concrete non chiacchiere da bar , poi sta' a noi ...
non voglio mancarti di rispetto e me ne scuso se lo pensi Annalisa , pero' , da marito prima e genitore DOPO , ho pensieri continui sulla mia famiglia ... normale tu abbia paura di ammalarti come il tuo compagno , istinto di conservazione lo chiamano , umano , ma sono anni ed anni che gli studi di U=U erano ufficiosi e non lo si ufficializzava ... torniamo sempre al punto : le info le avete , sta' a voi coppia decidere ... il "problema" il "bisogno" è vostro non dei medici o nostro ... potremmo anche suggerirvi di non averne ed adottarne ... poi pero' SEMPRE avreste , vivreste con la paura di infettare il bambino o tu Annalisa potresti aver SEMPRE paura di infettarti dal tuo compagno ...
togli per un attimo il desiderio di maternita' e pensa in modo semplicistico :
stai con un s+ e lo ami per tutta la vita come ti auguro ...che fai , nel sesso vai protetta o no ? non che lo voglia sapere ma ;
se lo fate protetti , c'è paura e andrebbe tolta visti gli studi di U=U ... se non lo fate con protezioni che problema avreste a concepire naturalmente un figlio come 2 ne ho fatti con mia moglie IO?
MOLTI , TROPPI , vogliono fare i genitori senza prima analizzarsi come coppia , tu mi sembri molto matura per esser rimasta accanto a lui , ma ADESSO si vedra' questo salto di "qualita'" nel rapporto secondo ME ...
se stai con un s+ con viremia non rilevabile da piu' di 6 mesi e lo ami pensa a che tipo di sesso puo' farci o ci fai ... il concepir figli viene dopo ... che fai un figlio con la paura di un'infezione ogni giorno della tua vita?
NOI s+ conosciamo quello sguardo SCHIFOSO di paura e di schifo ... non sara' il tuo , ma credo nel potere "energetico" chiamalo come ti pare , ma lo si percepisce quando non vi sentite a posto con noi "malati" ...
sentirsi sporchi non è bello anche perchè non è vero per nulla ed ammalarsi non è una colpa ...
spero ti abbia scossa al punto da farti ragionare molto di piu' sul tuo rapporto amoroso , la genitorialita' è cosa accessoria , non credo sussisterebbero problemi se ci fossero chiarezze a riguardo del primo aspetto.
Nn ricordo se lo hai scritto , da quanto tempo il tuo lui è s+ ... so' pero' , conoscendo amici perlopiu' gay (piu' mentalmente aperti e sensibili a questi accadimenti) che , una volta appresa la positivita' del partner gli dicono , ok amore ti amo ancor di piu' ... dopo poco tempo , scusa banale e ciao ciao ... li' ... quando lo sento ancora purtroppo mi sale una grande tristezza e mi sento impotente ... desidererei , è una chimera purtroppo , non accadesse piu' a nessuno ...
a TE Annalisa una scelta onesta con TE stessa ... da come ti approcci traspare hai un'ottima capacita' di discernimento ...
non credo avrai problemi a decidere una volta per tutte , coi tuoi tempi , per una cosa (un figlio concepito naturalmente visto U=U) o l'altro cioè (figli in provetta o con pulizia sperma ma QUINDI anche rapporti protetti col tuo uomo perchè non si sa' mai ti possa "infettare" ) ...
la vita è una sola e troppo bella per sfidarla ed è troppo corta per viverla nella paura ... rendo grazie ogni giorno al mio infettivologo e penso a chi non ce l'ha fatta , a quanti volevano un figlio , una compagna e non han potuto perchè non vi erano studi di U=U ... eravam visti come appestati che morivamo come mosche ...
2018 ANNALISA ... TUTTO E' DIVERSO ... e la comunita' LGBT ha reso dagli albori questo possibile , se non rumoreggiavano , si pensava ancora si trasmettesse per punizione divina della non eterosessualita' ...



Celafaccio devo ringraziarti per quello che hai scritto; hai ragione la genitorialità è una cosa accessoria, nel senso che prima deve esserci amore e profonda unione fra due persone.
La positività di mio marito non mi ha mai fatto schifo e, apparte i primi momenti, mi è venuta solo una grande paura, paura per lui e poi anche per me stessa. Questa paura in parte è scomparsa ma, come dici tu, la paura della trasmissione dell'infezione è ancora forte in entrambi purtroppo. Questo è anche il motivo per cui leggo, m'informo, scrivo su questo forum e parlo con voi che vivete la stessa esperienza, perchè come ben sai nel mondo reale e non virtuale, è difficile condividere questa cosa e poter confrontarsi con persone che vivono lo stesso problema. La sieropositività è una cosa di cui non si parla per paura della discriminazione .... lo stiamo vivendo noi sulla nostra stessa pelle. Solo mia madre sa di questa cosa ed i nostri rispettivi psicoterapeuti, a cui dopo la diagnosi abbiamo chiesto un supporto.
Forse dietro questi nostri timori si nasconde anche altro sicuramente, legati alle nostre problematiche precedenti l'infezione ed in parte ancora non totalmente risolte.
Leggo nelle tue parola tanto coraggio e forza vitale ... ecco è proprio quello di cui avrei bisogno io in questo momento della mia vita.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: venerdì 13 luglio 2018, 12:20 
Non connesso

Iscritto il: martedì 13 ottobre 2015, 18:16
Messaggi: 327
Località: Roma
FELICISSIMO d'averti fatta ragionare a quel livello di profondita' che presumevo tu avessi ma non lo tiravi fuori ...
l'amore lo hai dimostrato al tuo lui semplicemente avendo paura e dispiacendoti per lui e non per il tuo istinto di sopravvivenza che ti avrebbe fatta impaurire di un eventuale contagio...
trovarsi un nuovo svago , obiettivo , (figli,vacanze,shopping) ci fa' distogliere dal nostro analizzarci come singoli e come coppia ... personalmente non ce l'ho con la mia ex che pare mi abbia trasmesso il virus ... se hai voluto bene ad una persona , accetti ... TU domandati , extra hiv del compagno ? sei disposta ad accettarlo cosi' come è ? ti anticipo una malattia non puo' che amplificare , cosi come i soldi , cio' che siamo (non credere ai superficiali che dicono ricco cattivo povero bravo , i generalizzatori falliti del bar insomma) TU sai cosa è meglio per TE e per voi come coppia ...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: martedì 17 luglio 2018, 23:40 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 6 aprile 2017, 11:42
Messaggi: 161
Annalisa ha scritto:
Cari, leggendo i vari forum riguardo la non contagiosità delle persone in terapia stabilmente soppresse, ho trovato un inquietante risposta che la dott.ssa Balotta ha fornito ad un utente sul forum di anlaids.
Vi riporto la domanda e la relativa risposta della dottoressa.
Voi cosa ne pensate? avete ulteriori informazioni sul tema?
Grazie

Quesito Utente : "Buonasera.
Sarò super-ipocondriaco, ma la domanda che voglio fare è un po' particolare, nel senso che non ho trovato da nessuna parte una risposta soddisfacente.
Sono uomo, e ho avuto un rapporto con una donna HIV+, ma con carica viremica azzerata. La scienza dice che non dovrebbe esserci contagio, ma non ho mai letto in giro se c'è pericolo col cunnilingus, non se ne parla da nessuna parte.
Fatto sta che dopo 2 settimane ho tutti i sintomi della mononucleosi avuta circa 5 anni fa, forse leggermente più modesti (leggero rash cutaneo che sparisce dopo pochi minuti, mal di gola pressochè continuo con dolori e bruciori al palato). So anche che potrebbero esserci "ritorni" della mononucleosi, ma non tutt sono d'accordo su questa cosa.
Si dice anche che 2 settimane sono poche per una sieroconversione, ma i sintomi sono molto precisi e mi ricordano l'EBV.
A parte il test, che al momento non darebbe risultati definitivi, quello che chiedo è questo: Se il rapporto vaginale con viremia zero è sicuro, a maggior ragione dovrebbe esserlo anche il cunnilingus?"

Risposta dottoressa: "Buona sera,
le confermo quanto detto da Tex83:la terapia antiretrovirale riduce drasticamente la carica virale SOTTO i limiti di rilevazione dei test usati correntemente ovvero al di sotto delle 50 copie di HIV per ml di plasma. Di conseguenza la viremia NON è azzerata: ciò ha portato recentemente alla conduzione di uno studio per verificare la trasmissibilità di HIV nelle coppie sierodiscordanti sul quale può leggere dettagliatamente al link:

http://www.plus-onlus.it/le-persone-hiv ... o-partner/

Come può leggere i dati sono confortanti ma indicano che possano esistere i cosiddetti 'blip viremi' ovvero riprese limitate nel tempo della viremia che potrebbero rappresentare un pericolo concreto di infezione.
nel suo caso specifico consiglio, di conseguenza, un test di 4° generazione per la sua totale tranquillità e l'uso del dental dam sul quale le consiglio di informarsi ai seguenti link:

https://it.wikipedia.org/wiki/Dental_dam
http://www.perlasalutesessuale.it/preve ... ezioni.htm
http://www.lila.it/it/infoaids/56-il-dental-dam


BEH la dottoressa non ha detto che chi si cura puo' contagiare lo stesso, la dottoressa ha specificato che durante il periodo che un soggetto è sotto cura puo' succedere che si possono avere dei blip viremici cioè il virus aumenta di copie superando la soglia minima 200/250 ( anche se molti studi addirittura sostengono che fino a 500 copie un soggetto puo' definirsi irrilevabile ) e quindi magari in quel periodo puo' essere pericoloso fare rapporti non protetti ....
se tu avessi formulato la domanda diversamente dicendo mahari : sono un soggetto con carica vilare soppressa inferiore a 20 copie posso fare sesso con la mia partner ? probabilmente lei ti avrebbe risposto in modo diverso ... A MIO PARERE

io purtroppo ho avuto sbalzi viremici passando da zero a 300 per poi riscendere a 100 ect .. attualmente sono sui 100 e la mia dottoressa mi ha detto che non devo assolutamente preoccuparmi anche se specifico che io faccio usare sempre il profilattico nei miei rapporti sessuali ..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: mercoledì 18 luglio 2018, 9:32 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 luglio 2018, 13:08
Messaggi: 22
uncle_tom82 ha scritto:

io purtroppo ho avuto sbalzi viremici passando da zero a 300 per poi riscendere a 100 ect .. attualmente sono sui 100 e la mia dottoressa mi ha detto che non devo assolutamente preoccuparmi anche se specifico che io faccio usare sempre il profilattico nei miei rapporti sessuali ..




come mai hai avuto questi sbalzi viremici .. se posso chiederti? sei stato poco aderente o il tuo virus è resistente a qualche farmaco?
mio marito si è azzerato dopo due mesi di terapia ed aveva una carica virale altissima trattandosi di recente contagio. A lui prima di dare i farmaci hanno fatto fare i test di resistenza ed è risultato, per fortuna, che il suo virus non presenta resistenze. Ormai sono quasi due anni che è in cura e non ha mai avuto blips finora.... considera che è aderentissimo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: mercoledì 18 luglio 2018, 21:59 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 14 gennaio 2015, 18:50
Messaggi: 302
Annalisa ha scritto:
Cari, leggendo i vari forum riguardo la non contagiosità delle persone in terapia stabilmente soppresse, ho trovato un inquietante risposta che la dott.ssa Balotta ha fornito ad un utente sul forum di anlaids.
Vi riporto la domanda e la relativa risposta della dottoressa.
Voi cosa ne pensate? avete ulteriori informazioni sul tema?
Grazie


Risposta dottoressa: "Buona sera,
le confermo quanto detto da Tex83:la terapia antiretrovirale riduce drasticamente la carica virale SOTTO i limiti di rilevazione dei test usati correntemente ovvero al di sotto delle 50 copie di HIV per ml di plasma. Di conseguenza la viremia NON è azzerata: ciò ha portato recentemente alla conduzione di uno studio per verificare la trasmissibilità di HIV nelle coppie sierodiscordanti sul quale può leggere dettagliatamente al link:

http://www.plus-onlus.it/le-persone-hiv ... o-partner/

Come può leggere i dati sono confortanti ma indicano che possano esistere i cosiddetti 'blip viremi' ovvero riprese limitate nel tempo della viremia che potrebbero rappresentare un pericolo concreto di infezione.
nel suo caso specifico consiglio, di conseguenza, un test di 4° generazione per la sua totale tranquillità e l'uso del dental dam sul quale le consiglio di informarsi ai seguenti link:

https://it.wikipedia.org/wiki/Dental_dam
http://www.perlasalutesessuale.it/preve ... ezioni.htm
http://www.lila.it/it/infoaids/56-il-dental-dam


ecco un classico esempio di dottore che non comprende le dinamiche del virus e della trasmissione. intanto le linee guida dicono che è considerato irrilevabile qualsiasi valore inferiore a 200 copie ml e quindi un valore di 50 è ben al di sotto. inoltre i blip viremici quando accadono sono di poche copie e spesso rientrano nel limite di 200. il virus non fa mai un balzo da 0-200 a oltre 1000 e più se la terapia viene seguita con rigore e non ci sono resistenze. inoltre si considera carica virale non infettiva qualsiasi valore <200. un valore poco superiore pone un rischio più teorico che pratico e rientra nel margine infinitesimale. un rischio reale si pone per valori >1000. questo me lo disse anche il mio medico. per questo motivo un blip isolato non desta preoccupazione.
la dottoressa ignora questi dettagli e conferma il fatto che non ha recepito correttamente quanto indicato nelle linee guida attuali.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: mercoledì 18 luglio 2018, 22:17 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 14 gennaio 2015, 18:50
Messaggi: 302
oltretutto si parla pure del cunnilingus, pratica considerata non a rischio. esiste forse un solo caso al mondo di trasmissione attraverso questa pratica sessuale. si presume con ciclo mestruale. la dottoressa raccomanda pure il test e il dental dam. incredibile.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: giovedì 19 luglio 2018, 5:23 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 1 febbraio 2018, 14:19
Messaggi: 167
Datex ha scritto:
ecco un classico esempio di dottore che non comprende le dinamiche del virus e della trasmissione. intanto le linee guida dicono che è considerato irrilevabile qualsiasi valore inferiore a 200 copie ml e quindi un valore di 50 è ben al di sotto. inoltre i blip viremici quando accadono sono di poche copie e spesso rientrano nel limite di 200. il virus non fa mai un balzo da 0-200 a oltre 1000 e più se la terapia viene seguita con rigore e non ci sono resistenze. inoltre si considera carica virale non infettiva qualsiasi valore <200. un valore poco superiore pone un rischio più teorico che pratico e rientra nel margine infinitesimale. un rischio reale si pone per valori >1000. questo me lo disse anche il mio medico. per questo motivo un blip isolato non desta preoccupazione.
la dottoressa ignora questi dettagli e conferma il fatto che non ha recepito correttamente quanto indicato nelle linee guida attuali.


Quindi se questo è un altro classico esempio...vuol dire che stiamo messi bene con i medici qui in Italia. E se davvero è così non oso immaginare quanto ce ne possono essere di meno esperti di chi è referente scientifica per anlaids.

Datex ha scritto:
oltretutto si parla pure del cunnilingus, pratica considerata non a rischio. esiste forse un solo caso al mondo di trasmissione attraverso questa pratica sessuale. si presume con ciclo mestruale. la dottoressa raccomanda pure il test e il dental dam. incredibile.


Qui ti sbagli....e visto che le linee guida le segui, il ministero dice che anche il cunnilingus è a rischio. Sicuramente se non vieni a contatto né con mestruazioni ne con secreto vaginaleil rischio è teorico/biologico. Ma visto che nelle secrezioni vaginali è presente il virus la possibilità c'è.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: giovedì 19 luglio 2018, 10:51 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 6 aprile 2017, 11:42
Messaggi: 161
Annalisa ha scritto:
uncle_tom82 ha scritto:

io purtroppo ho avuto sbalzi viremici passando da zero a 300 per poi riscendere a 100 ect .. attualmente sono sui 100 e la mia dottoressa mi ha detto che non devo assolutamente preoccuparmi anche se specifico che io faccio usare sempre il profilattico nei miei rapporti sessuali ..




come mai hai avuto questi sbalzi viremici .. se posso chiederti? sei stato poco aderente o il tuo virus è resistente a qualche farmaco?
mio marito si è azzerato dopo due mesi di terapia ed aveva una carica virale altissima trattandosi di recente contagio. A lui prima di dare i farmaci hanno fatto fare i test di resistenza ed è risultato, per fortuna, che il suo virus non presenta resistenze. Ormai sono quasi due anni che è in cura e non ha mai avuto blips finora.... considera che è aderentissimo.


nessuno dei due ... terapia seguita scrupolosamente e non ho nessuna resistenza ... dicono che sia attribuito a un forte fattore di stress o all'ansia e io ci soffro parecchio ... sono salito a roma al tor vergata e nelle analisi non è uscito fuori nessuna resistenza ed ero azzerato sotto le 20 copie ... ora invece sono risalito a 100 copie ma la dottoressa sospetta che sia un problema dei macchinari di laboratorio del mio ospedale perchè anche un altro ragazzo ha avuto il mio stesso problema e pure lui è salito a roma e aveva la viremia azzerata... a settembre devo fare le analisi in un altro ospedale della mia città perchè dicono che hanno macchinari da laboratorio piu' all'avanguardia .. staremo a vedere ... in ogni caso la mia dottoressa mi ha tranquillizzato perchè non sono assolutamente contagioso con questi valori ... per contagiare ci vogliono valori molto piu' alti ...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: giovedì 19 luglio 2018, 12:59 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: lunedì 26 novembre 2007, 0:07
Messaggi: 5341
Datex ha scritto:
ecco un classico esempio di dottore che non comprende le dinamiche del virus e della trasmissione. intanto le linee guida dicono che è considerato irrilevabile qualsiasi valore inferiore a 200 copie ml e quindi un valore di 50 è ben al di sotto. inoltre i blip viremici quando accadono sono di poche copie e spesso rientrano nel limite di 200. il virus non fa mai un balzo da 0-200 a oltre 1000 e più se la terapia viene seguita con rigore e non ci sono resistenze. inoltre si considera carica virale non infettiva qualsiasi valore <200. un valore poco superiore pone un rischio più teorico che pratico e rientra nel margine infinitesimale. un rischio reale si pone per valori >1000. questo me lo disse anche il mio medico. per questo motivo un blip isolato non desta preoccupazione.
la dottoressa ignora questi dettagli e conferma il fatto che non ha recepito correttamente quanto indicato nelle linee guida attuali.

Sinceramente parlandoci: possiamo non essere d’accordo (io non lo sono) con tutta la prudenza della dottoressa Balotta, ma da qui a dire che “non comprende le dinamiche del virus e della trasmissione” dire che ce ne passa: è un professore di malattie infettive alla Statale di Milano, e si occupa praticamente da sempre di HIV.
Circa i blip viremici, io preferisco la classica teoria di non contraddizione: se la zona sicura è sotto le 200 copie, sopra non c’è sicurezza, punto, altro che stare a ipotizzare soglie superiori…
Dico questo da convinto sostenitore di U=U: io mi sento al sicuro, ma perché sono sicuro di me, e so anche che ci si può ammazzare anche uscendo dalla doccia, non è necessario essere ostaggi dell’ISIS…
U è uguale a U, ma non tutti quelli che sono in terapia sono realmente undetectable, e gli accidenti possono sempre accadere, anche se finora, statisticamente, non sembra: non è che possiamo chiedere alla nostra terapia di essere più efficace dell’astinenza, no?
Io mi fido, mi sento sicuro e rassicurato, ma se fossi un medico, e dovessi rispondere su un giornale, cercherei di non dare messaggi che possano essere ipersemplificati… e capisco (anche se agirei in un modo un poco diverso) che tra il semplificare e correre dei rischi o il semplificare e ridurre i rischi qualcuno scelga la seconda ipotesi…


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: blip viremici e contagio
MessaggioInviato: giovedì 19 luglio 2018, 13:31 
Non connesso

Iscritto il: martedì 13 ottobre 2015, 18:16
Messaggi: 327
Località: Roma
Guarda Uffa.. Sono perfettamente del tuo stesso avviso.. Ho letto una risposta chiara e non da ignavo.. Grazie .


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010